Il Caffe e Napoli

Storia, leggende, testimonianze letterarie, opinioni scientifiche,tradizioni, dispute mediche, locali storici ecc.Volume in 8 cm. 17 x 24, 160 pagine con 12 illustrazioni tratte da antiche stampe.Pregiata edizione su carta pesante in elegante astuccio.Ersquo la storia affascinante del lungo viaggio compiuto dal caff nel corso dei secoli per affermarsi e diventare la bevanda preferita da quasi tutti i popoli del mondo e in particolare dei Napoletani. Lrsquoautrice riporta leggende, testimonianze letterarie, opinioni scientifiche, dispute mediche, controversie religiose che hanno di volta in volta promosso o contrastato la diffusione del caff nei vari periodi storici e nelle diverse civilt.Mentre in molte citt italiane, come Venezia, Firenze, Milano, Torino, la scura bevanda si affermava con successo e si aprivano locali eleganti dove consumarla, a Napoli stentava a decollare, servita sporadicamente nei ricevimenti di nobili e ricchi per ostentare raffinato esotismo. Finalmente nella seconda met del Settecento il caff ebbe la sua consacrazione grazie a Vincenzo Corrado, massimo gastronomo napoletano, che nel 1773 pubblic il primo trattato napoletano sul caff. In breve anche Napoli ebbe i suoi Caff che sorsero come funghi, una miriade, eleganti e raffinati, dove si svolse la vita intellettuale ottocentesca della borghesia napoletana, o modesti e popolari per una clientela meno esigente. Brevi note sono dedicate nel libro ai Caff pi importanti, quasi tutti scomparsi.Il nero infuso entr con prepotenza a far parte della realt napoletana in tutte le classi sociali e si moltiplicarono studi e scritti sul caff tra cui il pi importante fu il lavoro di Gaetano Picardi, illustre medico a Napoli nella met dellrsquoOttocento, intitolato ldquoDel Caff - Racconto storico-medicordquo, in cui lrsquoargomento analizzato sotto tutti i punti di vista ldquoperch, afferma Picardi la bevanda del caff famigliare come il pane e il riso appo le nazioni inciviliterdquo. Ad esso dedicata la seconda parte del libro dove la Mancusi riporta e commenta numerosi passi del Picardi a conferma che lrsquoarrivo del caff produsse nella vita di tutti i popoli unrsquoautentica rivoluzione.Grimaldi C. Editori si sempre distinta, nella sua produzione, per la ricercatezza e la raffinatezza delle sue opere. La Casa editrice, che ogni anno pubblica da sei a dieci nuovi titoli, cura eleganti pubblicazioni di gran pregio bibliografico aventi per tema Viaggi, Cartografia, Grafica, Storia, Gastronomia, Arte, Cultura e Immagini la selezione dei titoli accuratissima ed finalizzata alla riscoperta e al recupero di testi particolari e inesplorati su temi di cultura meridionalistica ma anche alla diffusione di pregevoli opere di ricerca sulle arti minori tanto importanti per la nostra storia. La qualit di stampa di tutti i volumi sempre di altissimo livello. Grimaldi C. Editori, il cui catalogo ad oggi vanta circa cento titoli, rappresenta, dunque, un importante punto di riferimento per la cultura e la storia napoletana e le sue pubblicazioni sono apprezzate e ricercate da tutti i bibliofili non solo meridionali.

CATALOGO CASA EDITRICE

Il Caffe e Napoli ebay antiquaria antiquaria manent modena
Mancusi Sorrentino Lejla.
Il Caffe e Napoli

Storia, leggende, testimonianze letterarie, opinioni scientifiche,
tradizioni, dispute mediche, locali storici ecc.
Volume in 8° (cm. 17 x 24), 160 pagine con 12 illustrazioni tratte da antiche stampe.
Pregiata edizione su carta pesante in elegante astuccio.

E’ la storia affascinante del lungo viaggio compiuto dal caffè nel corso dei secoli per affermarsi e diventare la bevanda preferita da quasi tutti i popoli del mondo e in particolare dei Napoletani. L’autrice riporta leggende, testimonianze letterarie, opinioni scientifiche, dispute mediche, controversie religiose che hanno di volta in volta promosso o contrastato la diffusione del caffè nei vari periodi storici e nelle diverse civiltà.

Mentre in molte città italiane, come Venezia, Firenze, Milano, Torino, la scura bevanda si affermava con successo e si aprivano locali eleganti dove consumarla, a Napoli stentava a decollare, servita sporadicamente nei ricevimenti di nobili e ricchi per ostentare raffinato esotismo. Finalmente nella seconda metà del Settecento il caffè ebbe la sua consacrazione grazie a Vincenzo Corrado, massimo gastronomo napoletano, che nel 1773 pubblicò il primo trattato napoletano sul caffè. In breve anche Napoli ebbe i suoi Caffè che sorsero come funghi, una miriade, eleganti e raffinati, dove si svolse la vita intellettuale ottocentesca della borghesia napoletana, o modesti e popolari per una clientela meno esigente. Brevi note sono dedicate nel libro ai Caffè più importanti, quasi tutti scomparsi.
Il nero infuso entrò con prepotenza a far parte della realtà napoletana in tutte le classi sociali e si moltiplicarono studi e scritti sul caffè tra cui il più importante fu il lavoro di Gaetano Picardi, illustre medico a Napoli nella metà dell’Ottocento, intitolato “Del Caffè - Racconto storico-medico”, in cui l’argomento è analizzato sotto tutti i punti di vista “perché, afferma Picardi la bevanda del caffè è famigliare come il pane e il riso appo le nazioni incivilite”. Ad esso è dedicata la seconda parte del libro dove la Mancusi riporta e commenta numerosi passi del Picardi a conferma che l’arrivo del caffè produsse nella vita di tutti i popoli un’autentica rivoluzione.

codice:978-88-98199-55-6

30.00 €
Quantità
-
1
+
aggiungi al carrello
Il Caffe e Napoli ebay antiquaria antiquaria manent modena
Il Caffe e Napoli ebay antiquaria antiquaria manent modena
Il Caffe e Napoli ebay antiquaria antiquaria manent modena
Il Caffe e Napoli ebay antiquaria antiquaria manent modena
Il Caffe e Napoli ebay antiquaria antiquaria manent modena ELENCO OPERE
Web design: Targnet.itt:0.73 s:55403 v:548101
 
 
 
 
Mappa del sito

© 2017 TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Grimaldi & C. Editori s.r.l.
Riviera di Chiaia, 215 - Via Carlo Poerio, 50-51
(Chiesa di S. Maria delle Grazie) - 80121 Napoli
Tel. 39 081 406021 - Mail info@grimaldilibri.com
Design: Targnet.it
 
Scrivici
 
NON SONO UN ROBOT
INVIA MESSAGGIO